1 / 6
1
2 / 6
2
3 / 6
3
4 / 6
4
5 / 6
5
6 / 6
6
HOME  CHI SIAMO  PENSIERI IN LIBERTÀ  DOVE SIAMO  CALENDARIO  APPROFONDIMENTI  LIBRI CONSIGLIATI  FINE ETICO  
MEDITAZIONE  YOGA DELLA RISATA  OPERATORI  RIALLINEAMENTO COLONNA  TENDA ROSSA  CORSO IN MIRACOLI  SECONDA PRIMAVERA  OLTRE TENDA ROSSA  I RAGGI DI MICHELE  NADA YOGA  ARMONIUM  ARMONIZZAZIONE CON IL SUONO  FIORI DI BACH  CERCHIO SACRO  BENEDIZIONE DEL GREMBO  [RESPIRO COLLEGATO]  RADIESTESIA  REIKI  DANZE MEDITATIVE  PRANO TERAPIA  DONNE IN CERCHIO  
Respiro Collegato

RESPIRO COLLEGATO*

Un altro punto di vista

 

Cos’è il “Respiro Collegato * "Rebirthing"

Il Respiro Collegato è una respirazione circolare naturale, così come avviene nel flusso normale del respiro.
L’inspirazione e l’espirazione si succedono senza trattenere o forzare.
La persona che respira può arrivare ad un rilassamento profondo che dà la possibilità di riconoscere le tensioni emotive e scioglierle.
Per il mantenimento delle funzioni del nostro organismo, sono necessari nutrimenti, liquidi, aria e luce.
Senza cibo possiamo sopravvivere alcune settimane.
Senza liquidi possiamo stare alcuni giorni.
Senza respirare alcuni minuti.

Altri elementi per il mantenimento della vita nel nostro corpo sono i sistemi regolatori fisiologici: sistema immunitario, sistema ormonale e respiratorio.Noi vogliamo occuparci in quest’articolo dell’importanza del respiro e quale ruolo ha nello scambio tra l’uomo, il suo fisico e l’ambiente.Così come il corpo non è solo la somma dei suoi elementi, anche il respiro è più del solo scambio di ossigeno.
Mi piace l'idea di respiro consapevole e Cuore uniti nella massima manifestazione dell'Essere.

 La tecnica del respiro

L’inspirazione si attiva con il lavoro muscolare, soprattutto del diaframma e della sinergia di alcuni muscoli.
L’espirazione si attua con lo scioglimento di queste tensioni e le forze passive di ritorno alla posizione di partenza.
L’espirazione è dunque passiva.
Il nostro corpo regola automaticamente queste funzioni a secondo delle necessità.
Tutti abbiamo la possibilità di influenzare volontariamente il nostro respiro, ma spesso significa prendere coscienza del respirare.

 Prendere coscienza di respirare

Di solito notiamo che respiriamo solo sotto sforzo.
La manifestazione dolorosa data da un blocco fisico ci fa notare che può essere attenuata dal respiro.
Prestando la nostra attenzione al respiro ci accorgiamo di lui e lo possiamo osservare.

 Campo d’azione allargato del respiro

Se osserviamo il nostro modo di respirare, possiamo constatare come reagiamo ad uno stato emotivo.
Quando abbiamo paura tratteniamo il respiro.
Un grosso spavento blocca il respiro.
Una gioia ci rilassa e si espande con il nostro respiro.
Le tensioni muscolari ostacolano il respiro.
Alcuni stati depressivi possono essere attenuati dalla respirazione, gli effetti della respirazione si possono osservare anche a livello cellulare.

Ci si accorge del respiro?
Sentiamo il nostro respiro addominale?
I lati del torace si muovono poco o molto?

Questo significa che il corpo riceve molta energia, il respiro è la forma d’energia.
Si  parla di memoria cellulare, una capacità del corpo di immagazzinare informazioni sotto forma d’energia.

Questo succede nel caso di shock, un trauma fisico (incidente o ferita), oppure esperienze emotivamente non risolte portano poi a tensioni o dolori del tessuto.
Anche Wilhelm Reich parla nei suoi lavori di un’energia biologica, chiamata Energia Orgonica, che guida l’organismo vivente.
Nella biofisica questa energia è descritta come flusso biofisico del plasma, il quale è direttamente connesso con le emozioni.
Queste scoperte acquistano sempre più significato nel campo terapeutico, nell’ambito della psicosomatica, acquistano chiarezza le relazioni tra emozioni (stati interiori) ed il benessere psicofisico (stato esteriore).
Tutto questo si rispecchia nel nostro respiro, è possibile avere accesso alle tensioni emotive e fisiche attraverso il nostro respiro.

 Infatti:

· A livello fisico è possibile trasformare tensioni in rilassamento.

· A livello emozionale si possono sciogliere coscientemente dei traumi.

· A livello mentale possiamo riconoscere dei modelli di pensiero che ci ostacolano. Possono essere cambiati (ad esempio credenze come “non posso” la possiamo cambiare in “ho fiducia nelle mie capacità”).

· A livello metafisico si può creare un collegamento fra diversi livelli di coscienza.

(1) Esistono anche scoperte importanti e dei lavori interessanti sugli effetti profondi di credenze, nella Programmazione Neurolinguistica PNL

 Scopi del Training sul Respiro

Oltre agli effetti già elencati a livello fisico, emotivo e mentale, il training sul respiro vuole portare i partecipanti a prendere contatto con i valori e gli scopi personali.
Si può prendere coscienza dei propri desideri nascosti e così soddisfarli; si può accedere ad una comprensione più profonda della situazione personale e prenderne consapevolezza per poi permettere al flusso della vita di scorrere più energicamente.
Nelle situazioni spiacevoli il respiro collegato ci fa prendere delle pause per permetterci di ritrovare il nostro centro.

Quando siamo centrati le emozioni non hanno potere su di noi.

La sensibilizzazione per i collegamenti e scambi tra l’uomo e il suo ambiente, sviluppa un altro aiuto:

· Si risveglia la fiducia in se stessi.

· Benessere e consapevolezza a tutti i livelli

· Responsabilità verso se stessi.

· Vivacità ed umorismo, diventano accompagnatori preziosi nel quotidiano.

Il Training sul Respiro avviene come seduta individuale oppure di gruppo.
Attraverso il gruppo, le esperienze di collegamento del singolo con gli altri, con l’ambiente e tutto il mondo vivente, sono un prezioso arricchimento.
Le sedute di gruppo, invece, sono più intense perché agli eventi personali si aggiungono le dinamiche e gli scambi del gruppo.

 Il respiro è un accompagnatore continuo... usiamolo!

 Sintesi

Chi pratica il Respiro Collegato ha fatto l’esperienza che attraverso il respiro sono attivate diverse reazioni emotive, fisiche e mentali.
Questo metodo arriva più in profondità del respiro fisiologico conosciuto.
Questo metodo è efficace per persone che vogliono intraprendere un’avventura alla scoperta di se stessi conoscersi meglio.

 Il viaggio nel proprio mondo interiore ci porta in contatto con le nostre emozioni, i nostri valori, i nostri scopi ed i desideri della nostra anima.

Abbiamo bisogno di coraggio e fiducia per intraprendere questo viaggio perché le nostre paure costituiscono gli ostacoli che spesso ci sembrano insuperabili.

Chi ha fatto l’esperienza della liberazione e del sollievo sa che è possibile con il respiro collegato, percorre la propria strada con fiducia in se stesso e nelle proprie capacità, con la viva sensazione del collegamento tra tutti gli esseri viventi.

 

Milena Bonanomi si è formata in “A-trainig del Respiro Collegato” nel 1995/99 con l’insegnamento di Erika Egger-Stoll ed in “Mystic Trainer” nel 1997/98.

 

Affrontare  il viaggio verso la propria Vita,
prendendo  coscienza di ciò che non permette di vivere
 una vita serena e in piena libertà, scoprire il meglio di se stessi.
Cambiare!


Associazione Culturale Filo Dorato
Sede Colle Brianza – Via Milano,41 - Cap. 23886


milena.bonanomi@ilfilodorato.com

TEL.039-9260239 Ore pasti