1 / 6
1
2 / 6
2
3 / 6
3
4 / 6
4
5 / 6
5
6 / 6
6
HOME  CHI SIAMO  PENSIERI IN LIBERTÀ  DOVE SIAMO  CALENDARIO  APPROFONDIMENTI  LIBRI CONSIGLIATI  FINE ETICO  
MEDITAZIONE  YOGA DELLA RISATA  OPERATORI  RIALLINEAMENTO COLONNA  TENDA ROSSA  [CORSO IN MIRACOLI]  SECONDA PRIMAVERA  OLTRE TENDA ROSSA  I RAGGI DI MICHELE  NADA YOGA  ARMONIUM  ARMONIZZAZIONE CON IL SUONO  FIORI DI BACH  CERCHIO SACRO  BENEDIZIONE DEL GREMBO  RESPIRO COLLEGATO  RADIESTESIA  REIKI  DANZE MEDITATIVE  PRANO TERAPIA  DONNE IN CERCHIO  
Corso in Miracoli

INTRODUZIONE AL  CORSO IN MIRACOLI

 
 

Il Corso in Miracoli ci aiuta a trovare la pace interiore e la guarigione nei rapporti interpersonali, molti si trovano in difficoltà e vivono in un Mondo agitato e cosi viene a mancare la comunicazione.
Non riescono più a controllare la propria vita o  a progettare il proprio futuro, spesso hanno trovato rifugio, in modo inconsapevole, in forme di malattia, dolore, frustrazione e depressione, il Corso aiuta a capire che abbiamo sempre la possibilità di scegliere come guardare in noi stessi, agli altri ed al mondo.
Abbiamo la Scelta di cercare la pace o il conflitto, di vivere nell’Amore o nella Paura.

 

DESCRIZIONE del Libro

Com’è nato

Un corso in miracoli ebbe inizio con l’improvvisa decisione di due persone di unirsi con uno scopo comune. I loro nomi erano Helen Schucman e William Thetford, Professori di Psicologia Clinica alla Facoltà di Medicina e Chirurgia della Columbia University di New York City. Non ha importanza chi fossero, eccetto che la loro storia dimostra che con Dio tutto è possibile.

 

Il Libro di suddivide in tre parti, il Testo, gli Esercizi ed il Manuale per Insegnanti.

 

Il Testo si divide in 31 Capitoli che ampliano la nostra conoscenza e la  capacità di relazionarci.
Negli  Esercizi ci sono delle meditazioni quotidiane che svelano un significato a ciascuno di noi se applicate giornalmente.
Queste meditazioni possono essere una guida, per chi ha interesse a cambiare il proprio modo di percepirsi e trovare la pace interiore, alcuni concetti sono un po’difficili da accettare, perché sono faticosi da giustificare se non siamo disposti ad approfondirli nella pratica; ma l'esperienza che si riceve applicando correttamente questo corso ci aiuta a diventare più felici.

 

Il Manuale per Insegnanti è un approfondimento.

 

CREDENZA E REALTÀ  Noi siamo quello che crediamo di essere.”

 

Le nostre credenze si basano sulle esperienze passate che ripetiamo in continuazione nel presente, inoltre ci aspettiamo che il futuro si realizzerà così come è avvenuto per il passato.
Le nostre percezioni attuali sono così fortemente colorate dal passato che non siamo più capaci di vedere gli avvenimenti reali della nostra vita senza distorsioni e limitazioni, ma con un po' di volontà possiamo però esaminare a fondo la nostra credenza di chi pensiamo di Essere per ottenere una nuova e più profonda conoscenza della nostra vera identità.
Per vivere la sensazione della libertà totale è importante liberarci dalle influenze del passato e del futuro decidendo di vivere con le nostre sensazioni nel presente.
Essere liberi vuol anche dire non essere limitati dai nostri sensi fisici.
Essere liberi ci permette di partecipare all'amore universale che condividiamo con tutto ciò che è.
L'amore può essere sentito come assenza di paura.
I Sensi di colpa e di paura del passato frenano la capacità di ricevere e di dare amore nel presente.
Paura e amore non possono essere sentiti nello stesso momento.
Possiamo iniziare a scegliere quale sensazione vogliamo, diventando consapevoli e consapevolmente scegliendo l'AMORE anziché la PAURA, noi possiamo cambiare la qualità dei nostri rapporti con noi stessi e con gli altri.

 

 ATTACCO E DIFESA

 

Se ci sentiamo attaccati, crediamo di doverci difendere e troviamo direttamente o indiretta­mente una via per il contrattacco.
Attaccare viene sempre da una forma di paura o di colpa.
Abbiamo dimenticato che attaccare e difendere non ci porta pace interiore, per ricevere PACE anziché CONFLITTO dobbiamo cambiare la nostra percezione. La Paura è in realtà un richiesta di aiuto e d'amore.
Per apprendere la PACE dobbiamo evidentemente comprendere che abbiamo effettivamente la possibilità di scegliere tra le nostre percezioni.
Tutti i tentativi di correggere gli altri, criticarli, sminuirli, sono in realtà tentativi di attaccarli per dimostrare che noi abbiamo ragione e loro torto.
Se gli altri non si comportano come noi desideriamo, li vediamo con tutta probabilità colpevoli e rafforziamo la credenza sulla loro colpa.
La pace della mente viene nel non voler cambiare gli altri, ma accettarli cosi come sono, perché la vera accettazione non ha aspettative ne pretese.

 

Il Libro parla del PERDONO

 

Il Perdono è il filo conduttore che sta alla base di questo corso, è la via che porta alla pace interiore, Perdonare è rilasciare il passato ed è il mezzo per correggere le nostre percezioni sbagliate.
Questo processo ci libera nel presente dal ripetere l'errore delle nostre percezioni.
Il perdono ci permette di rilasciare tutti i pensieri che apparentemente ci dividono.
Con il nostro vero perdono possiamo porre fine al ciclo apparentemente senza fine della colpa e vedere noi stessi e gli altri con amore, smettendo di credere alla divisione possiamo accettare la nostra guarigione, e l'amore di guarigione si estende su tutti noi.
La guarigione diventa poi pensiero di unità.
Riconoscendo  la nostra pace interiore come unica meta, il perdono diventa l'unica funzione.
Ci rendiamo  liberi e liberiamo gli altri dalla prigionia delle nostre percezioni distorte e ci congiungiamo con loro nell'unità dell'amore.

 

 VOLERE E DARE

 

È importante ricordare che abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno e che l'essenza della nostra vita è l'amore.
La motivazione di "voler avere" porta a conflitti e a espressioni di ostilità verso noi stessi e gli altri.
Se noi crediamo di dover avere qualcosa da qualcuno, lo amiamo, se riceviamo quanto desiderato, nel caso contrario la disprezziamo.
Spesso  viviamo in un rapporto di amore e odio, ma se agiamo con amore, non ponendo delle condizioni,  si ottiene una sensazione di pace interiore e una gioia che è senza limite.

 

Dare vuol dire estendere l'amore senza condizioni, senza aspettative e senza confini.

 

La pace mentale si trova se noi portiamo tutta la nostra attenzione al dare e non abbiamo nessun desiderio di voler avere qualcosa in cambio dagli altri o di volerli modificare.

 

 L'EDUCAZIONE DELLA MENTE

 

Nella rieducazione della mente,  in ogni situazione sia personale che interpersonale, scegli di  farti le seguenti domande:

 
  • Voglio apprendere PACE INTERIORE o CONFLITTO?
  • Scelgo l'esperienza di AMORE o PAURA?
  • Voglio trovare AMORE o ERRORI?
  • Voglio dare AMORE o cercare AMORE?
  • Questa comunicazione (verbale o non verbale) è AMOREVOLE verso il PROSSIMO o è amorevole solo verso ME?
 

Molti dei nostri pensieri, osservazioni e azioni, non sono amorevoli, se vogliamo la pace interiore è molto importante che le nostre comunicazioni con il prossimo vengano condotte con un senso di unione e collegamento, se vogliamo pace interiore è necessario essere in armonia con i nostri pensieri, le nostre parole e le nostre azioni.

 

PAROLE DA CANCELLARE

 

Un altro processo rieducativo della mente ci deve chiarire l'effetto delle parole che noi usiamo, le parole di seguito elencate appartengono a quelle che noi usiamo normalmente nei messaggi diretti a noi stessi e verso gli altri.
L'uso di queste parole mantiene vivo nella nostra mente il passato colpevole e il futuro pauroso, in questo modo rafforziamo le nostre sensazioni di conflitto.
Comprendere  che l'uso di queste parole ostacola la nostra pace interiore, tanto più facile diventa l'esercizio di cancellarle dalla nostra mente e dal nostro uso. Possiamo visualizzare una lavagna e quando le usiamo decidiamo di vederle scritte sulla lavagna e la cancelliamo definitivamente, questo esercizio è importante per agire con dolcezza verso se stessi.
Vedremo, se ci osserviamo, che l’uso di queste parole smette di formarsi.

 

Questa è la lista delle parole:

 
  • impossibile, non posso, tentare, provare, limitazione, purché,
  • ma, difficile, dovrei, dubito,
  • ogni parola che pone te o gli altri in una categoria,
  • ogni parola che serve di valutazione e misura per te o per gli altri,
  • ogni parola che serve per giudicare e condannare te o gli altri.
 

CONSIGLI SULL’ USO DELLE MEDITAZIONI

 

Da circa 10 anni il Corso mi assiste nella mia vita e voglio condividere con voi il mio uso per trarre il massimo dei benefici:

 
  • Leggere una parte del testo del Corso e scegli una meditazione giornaliera, ripetendo le affermazioni principali sino a che diventino parte di te
  • Chiediti sempre "VOGLIO SPERIMENTARE PACE O CONFLITTO?"
  • Avanzando di giorno in giorno, se un concetto ti è troppo impegnativo ripetilo più a lungo nelle tue  meditazioni, rilassati, rimani per 5 minuti sulla meditazione, per apprendere l'affermazione principale in essa contenuta.
 

o Applica la lezione senza eccezione su tutto e con ogni persona.

 
  • Questo modo di studiarlo e meditarlo, ci permette di verificare come i pensieri cambiano, cosi come cambia il nostro modo di rapportarci con la Vita.
  • Piano a piano si fa strada la Pace Interiore e una Nuova percezione del Mondo
 

 

 

Milena

 

 


Associazione Culturale Filo Dorato
Sede Colle Brianza – Via Milano,41 - Cap. 23886


milena.bonanomi@ilfilodorato.com

TEL.039-9260239 Ore pasti